...Pilon abbassò le palpebre.Ora si percepiva soltanto il fluente scorrere delle ruote sul binario,ritmato dal rimbalzo sonoro ad ogni congiunzione di rotaie.Pareva quasi una cantilena,non si capiva se briosa o triste;sembrava che Pilòn dovesse dare le parole a quel ritmo.Ma disse :

                                                                     Gli alpini arrivano a piedi

                                                                       là dove giunge soltanto

                                                                       la  fede alata

Nel silenzio che s’aprì su quella voce ondeggiò allora una ridda di sentimenti, di ricordi, affiorarono consapevolezze fino a quel punto indistinte, generatrici di un subitaneo e dolente orgoglio.Non seguì alcun applauso,la voce candida aveva toccato fondo,nelle anime.

-Qual è la parola che non sai se va bene?- Domandò il capitano con grande serietà.

Pilòn era di nuovo titubante,pareva si vergognasse.

-Alata-rispose umilmente.

Reitani interpellò con un rapido sguardo Serri, fissò poi Pilòn e gli sorrise.

-Non darti pensiero, Pilòn- disse con voce strana al conducente-lasciala pure com’è non toccare più nulla…



.


Così scrive Giulio Bedeschi, ufficiale e medico della 13a Batteria del 3° reggimento artiglieria da montagna Gruppo “Conegliano”, Divisione Julia,in una delle pagine finali della sua opera più famosa:-Centomila gavette di ghiaccio - dopo che il racconto iniziato in Albania, sul Golico,s’era già dipanato nella narrazione della tragica ed eroica ritirata dal fronte russo.

Nel 2005, la sua Signora ,Luisa Vecchiato ,ha presenziato ai festeggiamenti per l’80°anniversario della fondazione della sezione di  Conegliano e in quell’occasione gli alpini di Gaiarine chiesero di dedicare al marito il coro del gruppo che, nato da poco ,e diretto dal M°Vittorio Pavan coltivava l’amore per le cante alpine e della montagna;alla Signora Vecchiato Bedeschi,che purtroppo ci ha lasciato nel 2008 raggiungendo l’amato consorte ,va il nostro ringraziamento per aver consentito alla corale di portare il nome del marito.

Oggi il BEDESCHI è un coro che continua a crescere e migliorare grazie  alle qualità e all’ impegno della Maestra Simonetta Mandis che lo dirige dal gennaio 2006.

Il repertorio si basa sulla canzone popolare, nel particolare riferita alla vita degli Alpini, della montagna e del folclore. Si raccontano storie di dolore, di vita  militare e di guerra ma anche storie d’amore e di vita comune.    Sono brani che danno testimonianza di un’epoca e di generazioni passate narrandone le storie e le tradizioni, le passioni, i drammi, i momenti di nostalgia e  le  struggenti   pagine dell’epopea alpina.

  Si racconta della guerra, con i suoi orrori e le sue sofferenze, solo per tributare il doveroso sentimento di riconoscenza alle vittime per evocare il desiderio di  pace dei suoi eroi   combattenti e per dire a tutti che quegli orrori non devono ripetersi mai più.

  Mentre si esalta l’amore per la famiglia e per la patria come valori fondamentali della nostra esistenza, si canta l’amore per la montagna che l’Alpino ha  imparato a conoscere e   rispettare.

  Nel 2012, il decennale della fondazione del Coro Giulio Bedeschi  è stato onorato con una grande festa il  23 Giugno nel parco di Villa Riello Pera a Gaiarine;nella splendida   cornice per un concerto emozionante che ha coinvolto il numeroso pubblico e le  rappresentanze dei gruppi alpini del territorio e le autorità, il Bedeschi ha voluto festeggiare    l’importante ricorrenza assieme al coro ANA Ardito Desio di Palmanova .

In coda a questa breve presentazione,ci piace ricordare,che alla Signora Luisa Vecchiato Bedeschi va il merito ,tra l’altro, del titolo”Centomila gavette di ghiaccio”: in origine ,infatti, il manoscritto doveva intitolarsi:-Giacchè sei polvere-.

Immagine tratta dalla copertina del volume Centomila Gavette di Ghiaccio ,Mursia  Editore,


Il Coro A.N.A. di Gaiarine,  coro ufficiale  della Sezione di Conegliano, è intitolato a Giulio Bedeschi(1915-1990),  autore del libro “Centomila gavette di ghiaccio”.

Coro A.N.A Giulio BedeschiGruppo Gaiarine - Sezione Conegliano